Auto-Storia: i modelli più significativi

Nissan GT-R e sei sempre in pole position

Chi la può comprare deve saperla guidare. E per l'ultima Nismo citofonare Yokohama

L’ultima evoluzione della sua versione più spinta della Nissan GT-R arriva adesso ma gli italiani (e la UE) se la possono scordare a meno che non la comprino in Giappone o Nord America. E comunque i 300 esemplari a tiratura limitata sono già andati via. E’ la nuova Nissan GT-R Nismo (Nismo = Nissan Motorsport) e immagino che i facoltosi acquirenti l’abbiano ordinata di colore grigio Stealth come i caccia invisibili dell’aeronautica USA.

Ovviamente ha carbonio di qua e di là come piace adesso, non verniciato per contenere i pesi, è l’ultimo upgrade del modello originario GT-R del 2007 e assicura al viziato proprietario che la sa guidare alte prestazioni in pista  e su strada, la domenica mattina dopo colazione o  in via Montenapoleone finché potranno entrarci anche i mezzi diversi dalle bici.

Non basta avere la patente

RocketJohn, CC BY-SA 4.0 creativecommons.orglicensesby-sa4.0, via Wikimedia Commons

Ma bisogna saperla guidare, perché non tutti governano i 600 cv di potenza del suo motore biturbo V6 assemblato a mano da un meccanico specializzato che poi lo firma su una placchetta applicata come un abito di sartoria.

La Nissan GT-R Nismo è la versione più cattiva, nata nel 2013, di quella che nel 2007 è l’erede della Skyline GT-R, la macchina preferita di Paul Walker/Brian O’Connor nel primo capitolo di Fast and Furious.

LEGGI ANCHE: Le giapponesi di Fast and Furious

A Yokohama vogliono realizzare una supercar che non deve aver nulla da invidiare a marche più blasonate e ci riescono: sul Nürburgring il 30 settembre 2013 la Nissan GT-R Nismo infrange il record mondiale per un’auto prodotta in serie con un tempo sul giro di 7:08.679 e costa pure meno delle supercar chic, anche se il prezzo per i comuni mortali è una sassata lo stesso: non è una macchina per tutti i patentati e non è una macchina per tutti i portafogli.

Carbonio, overboost e fantasia

Nel 2007 la GTR tocca i 310 e fa lo 0/100 in 3,5 secondi, numeri che nelle versioni successive cambiano, già nel 2009 con la GT-R SpecV cala il peso (1760, 60 Kg di meno, carbonio a volontà e via i sedili dietro) e aumentano le prestazioni (492 cv, 315 km/h e 0/100 in 3,2 secondi), con il pulsante overboost sul volante che fa tanto fantasia e nella realtà permette un aumento della coppia ai regimi medio-alti, il tutto per la modica cifra di 150mila banane nel 2010.

L’ha disegnata il papà della Nissan 350Z

thesupermat-CC-BY-SA-4.0-creativecommons.org-via-Wikimedia-Commons

Tutto il resto [NON] è noia per dirla con Franco Califano, nel senso che le versioni successive (GT-R 2011 e GT-R 2013) sono soprattutto affinamenti per i malati delle prestazioni, con i soliti update (cavalleria, sospensioni, tempo sullo 0/100 che cala a 2,8 e 2,7 secondi et cetera), fino all’aggiornamento della GT-R 2016, con il look rifatto dentro e fuori: 21 cv in più e 320 km/h, prese d’aria, scocca irrigidita, aerodinamica migliorata, cofano, spoiler, paraurti e nuovi colori, per una macchina dalle linee inconfondibili disegnata da quel Shiro Nakamura che è anche il papà della Nissan 350Z e scusate se è poco. Tutto il resto è storia, anzi Nismo.

Emanuele Beluffi

Giornalista pubblicista, già responsabile di redazione presso Il Giornale OFF, spin off culturale del quotidiano il Giornale, editor di CulturaIdentità, conservatore presso Fondazione Sangregorio Giancarlo.

Articoli correlati

Back to top button

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.

Adblock

Ciao, la pubblicità ci permette di continuare a scrivere e di trasmettere la nostra passione per i motori. Escludi drivenride.it dall'Ad Blocker, ci sdebiteremo cercando di fornirti sempre articoli freschi ed interessanti ; )