Itinerari

Emilia Romagna terra dei motori…e dei sapori. Settima tappa tra lasagna e friggione

Più di 10 specialità da assaggiare in luoghi meravigliosi, all’interno di un percorso panoramico da godere in auto o moto

Abbiamo parlato di motori, di storia di auto e moto leggendarie ma in Emilia Romagna non si può non parlare di sapori. C’è addirittura chi dice che in Emilia Romagna si assapori la cucina più buona e varia del mondo. Noi qui vi proponiamo più di 10 specialità da assaggiare lungo il viaggio, ognuna in un luogo diverso e interessante anche dal punto di vista artistico e paesaggistico. Ovviamente all’interno di un percorso panoramico, perfetto da fare in auto o in moto.

Questo itinerario potrebbe rappresentare una tappa a sé  – da godere in circa tre giorni – o una serie di spunti di rinforzo rispetto alle sei tappe che vi abbiamo proposto sin ora.

La Mappa

A Comacchio il risotto all’anguilla

Partiamo dunque da dove ci eravamo fermati e facciamo subito tappa a Comacchio che, oltre a essere la famosa Venezia dell’Emila Romagna, è celebre per il risotto all’anguilla. Si tratta di uno dei pochi piatti tipici di mare di questa regione. O meglio, di piatti di pesce ce n’è parecchi, ma molti sono messi in ombra dai più celebri piatti emiliani a basse di carne. Il risotto all’anguilla è una pietanza molto semplice negli ingredienti, perché ai classici aromi alla base dei risotti si aggiunge soltanto concentrato di pomodoro.

La lasagna a Dozza

Se il risotto con l’anguilla vi è sembrato troppo particolare per il vostro palato, ecco un piatto che piace proprio a tutti e che è di certo il più famoso della cucina Emiliana. Mangiare un ottima lasagna può anche essere l’occasione per visitare Dozza, un borgo veramente unico in provincia di Bologna. Oltre a ospitare diverse osterie tradizionali infatti, il borgo vanta un castello sforzesco splendidamente conservato ed è arricchito con decine di dipinti murari di artisti contemporanei. Qui infatti ogni anno si svolge la Biennale del Muro Dipinto, che attira artisti di fama internazionale.

Friggione bolognese a Vimignano

Sempre in provincia di Bologna, ci spostiamo in un altro splendido borgo. Qui possiamo assaggiare il friggione bolognese. Usato come contorno o antipasto, è un piatto povero a base di cipolle e pomodori, tipico della tradizione culinaria bolognese, da gustare sia caldo che freddo. Il borgo medievale della Scola di Vimignano risale al XIV secolo ed è uno dei meglio conservati di tutto l’appennino bolognese. Inoltre vanta un paio di trattorie dove assaggiare la vera cucina bolognese.

Cotoletta alla bolognese

Si tratta di un piatto molto antico e molto ricco. A differenza della milanese, qui la carne è fritta senza panatura, ma poi intinta nel brodo di carne e ricoperta da un abbondante strato di prosciutto e Parmigiano, per poi essere nuovamente passata in forno. Nella versione più ricca, viene ulteriormente insaporita con il tartufo. Non tutti i ristoranti la propongono in menu, quindi Bologna è il luogo dove trovarla sicuramente.

Certosino (che non è un formaggio, né un gatto…)

Il certosino è un dolce tipico della città di Bologna, che si usa acquistare la domenica mattina, dopo la messa o una passeggiata in centro. Anche il gusto è molto tradizionale ed evocativo. Oltre alla farina: cacao, pinoli, miele, mandorle, cedro candito, cannella, chiodi di garofano, semi di anice, vino rosso e canditi misti… tanto per dire…
Vi consigliamo di parcheggiare l’auto o la moto e godervi un’ora a spasso fra le vie del centro di Bologna, partendo con una golosa caccia al tesoro fra le vetrine delle succulente pasticcerie.

Torta Barozzi, solo a Vignola

Ancora un dolce, prima di lasciare la provincia di Bologna. Qui siamo a Vignola: ideata da Vincenzo Gollini nel 1886, la ricetta resta ancora segreta. Di certo il cioccolato fondente, le mandorle e gli arachidi tostati non mancano. Una vera chicca da assaggiare per forza. Qui Vignola, con la sua maestosa rocca, offre un paesaggio meraviglioso, bellissimo da affrontare in moto.

Il Pin e le dolci colline modenesi

Si tratta di un piatto ricco di sapore e di nutrienti ma povero per tradizione, è infatti preparato con gli avanzi delle carni usate per creare i tipici piatti emiliani, dal ragù al ripieno dei ravioli. Trovarlo al ristorante non è facile e di solito va prenotato. Di certo è più probabile mangiarlo in una trattoria che in un locale 2 stelle Michelin. Noi vi consigliamo Castelvetro di Modena, in cui le osterie non mancano. Oltre a essere un borgo fra i più belli dell’Emilia e a trovarsi in una posizione strategica, perfetta per chi sta facendo un tour delle colline in moto o auto – si trova infatti al centro della provincia modenese e non lontano da Bologna – è famoso per il suo ottimo Lambrusco.

Gnocco fritto e salumi a Modena

È una delle capitali italiane dei salumi e vi offre un giro in città perfetto per sgranchire un po’ le gambe – e le chiappe – dopo tanti chilometri in moto. Prosciutto crudo, pancetta coppata modenese o salame all’aglio, qualunque sia il vostro salume preferito, il companatico è sempre lo gnocco fritto, un impasto a base di farina, acqua, sale, latte e strutto, fritto – ovviamente.

Erbazzone nel borgo fortificato di Castellarano

Un piacevolissimo e panoramico viaggio fra colline e filari di vite vi porterà in provincia di Reggio Emilia. Castellarano è un borgo medioevale – ma con reperti risalenti a epoca preistorica – arricchito durante il rinascimento. Risultato: un magnifico centro storico arroccato e cintato!
Qui, la tipica torta salata emiliana si chiama erbazzone ma basta spostarsi un po’ per sentirla chiamare scarpazzone. Protagonisti oltre alla sfoglia, le erbette e il Parmigiano Reggiano.

I Tortelli a Fontanellato (e ovunque in Emilia)

Sono, insieme alle lasagne, il più tipico tra i piatti emiliani. Tortelli, tortellini, ravioli, cappelletti: in quanto a pasta fresca ripiena, ce n’è per tutti i gusti. Con erbette e ricotta, zucca e amaretti oppure patate, il più classico dei ripieni è però forse quello di carne. Per arrivare a Fontanellato percorrerete una gradevolissima strada fra le provincie di Reggio Emilia e Parma. Saranno quindi tantissimi i borghi che potrete attraversare per arrivare in questo paesuccio da fiaba, con il suo castello in mezzo alle case, circondato a 360° dal fossato.

La rosa di Parma… a Bardi

Per farvi assaggiare questo tipico arrosto emiliano, abbiamo scelto il borgo di Bardi non soltanto per la sua bellezza ma anche perché, con la rocca posta in cima a un colle, vi permette una salita in moto davvero panoramica, con meravigliosa vista sulle campagne parmensi.
Questo gustosissimo rollè raccoglie 3 fra i più tipici ingredienti emiliani: prosciutto di Parma, Parmigiano e Lambrusco: la carne che racchiude queste delizie è di manzo.

E ora… buon viaggio e buon appetito!!!!

 

Leggi anche “Sesta tappa – San Marino, Rimini e la costa”

Manuela Lozza

Ex cabarettista, è l’autrice della serie di polizieschi La Milanesa, con protagonista il commissario Michela Borellini. Racconta la sua scapestrata famiglia nel blog dedicato ai Barambani. Lavora sul web e in radio. Intanto legge, canta, scrive, cucina, stira… e grazie allo yoga non va fuori di testa.

Articoli correlati

Back to top button

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.

Adblock

Ciao, la pubblicità ci permette di continuare a scrivere e di trasmettere la nostra passione per i motori. Escludi drivenride.it dall'Ad Blocker, ci sdebiteremo cercando di fornirti sempre articoli freschi ed interessanti ; )