Itinerari

Emilia Romagna terra dei motori: seconda tappa nella Motor Valley, il Modenese

La seconda tappa del nostro viaggio nella Motor Valley: tra auto d’epoca e Ferrari di ultima generazione

Ecco la seconda tappa del nostro viaggio nella Motor Valley in Emilia. Tra musei e piste, ci spostiamo nella provincia di Modena per avvicinarci al territorio di Bologna, da dove partiremo per la terza tappa.

Quello di oggi è un percorso in cui moto e auto d’epoca la fanno da padrone anche se, proprio a metà strada, troviamo il gioiello più avanzato della tecnologia automobilistica…

N.B. Ricordate sempre che prezzi e orari sono validi nel momento in cui scriviamo. Consigliamo di verificare prima di partire e in particolar modo ora, dopo il lockdown.

Seconda tappa: il territorio Modenese

La Mappa

1. Collezione Umberto Panini – Modena

Collezione Panini Umberto ModenaIniziamo facendo la prima tappa al Museo dell’auto e moto d’epoca Collezione Umberto Panini, a Modena, un intero museo dedicato alla Maserati, alla storia del marchio fondato a Bologna nel 1914 come officina di riparazioni.

Furono gli stessi fratelli Maserati negli anni a conservare i veicoli più significativi che producevano, creando nel corso dei decenni una collezione non soltanto di automobili, ma anche di motori e di componenti, in grado d’illustrare il percorso storico non soltanto di un singolo marchio, ma in generale l’evoluzione dell’automobile.

Da allora la collezione è stata via via sempre più migliorata e arricchita. Dopo varie vicende storiche-economiche, la famiglia Panini acquistò 19 di quei modelli, che oggi possono essere ammirati al museo. Un po’ fumetto, un po’ gangster movie, un po’ 007, lo stile di queste auto è perfetto per tutta la famiglia, appassionati di motori e non.

2. Collezione Sassi – Casalgrande

Ancora storia, passando alle moto, per questa piccola collezione, omaggio alla storia Ducati, dalle sue origini nel 1926 a Borgo Panigale fino agli anni 90. Si parte addirittura con i primi prodotti che nulla avevano a che fare con la due ruote: parliamo di radio, fotocamere e calcolatori Ducati.

Nella collezione di Casalgrande trovate ovviamente i modelli storici Ducati: dai monocilindrici Desmo alla 750 GT-S, dalla 750 SS alla 900 SS e MHR 900-1000. In esposizione si trovano anche la mitica Laverda 750 ed altri modelli rarissimi.

La collezione è visitabile solo su appuntamento, consigliamo di prenotare in anticipo al numero +39 0522 999179

3. Museo Ferrari – Maranello

Quella al Museo Ferrari di Maranello è una visita immersiva, a 360°. Le Stanze in “total black” con foto d’epoca ingigantite sui muri e i modelli da pista del marchio più famoso del mondo ci circondano completamente di tutta questa rossa bellezza.

Se poi ci aggiungete che da qui si può partire per il tour delle fabbriche, per la visita all’autodromo di Modena – che vi abbiamo già presentato nella tappa precedente – e per una serie di esperienze interattive, capirete che non manca proprio nulla.

Neanche la possibilità di partire per delle gite integrate che vi facciano scoprire cibo, musica e motori di questa zona ricchissima di attrattive, unica al mondo.

4. Scuderia Stanguellini – Modena

La storia della scuderia Stanguellini inizia ufficialmente nei primi del 900, ma getta le sue radici in un periodo ancora precedente, nell’ultimo ventennio del 1800. È la storia di una piccola scuderia di qualità, come oggi non se ne vedono più – e forse non se ne fondano più. Alcuni modelli della scuderia sono rimasti mitici. Per questo motivo la visita a questo piccolo museo dell’auto d’epoca da corsa può essere una tappa interessante e diversa dai soliti circuiti stereotipati. Tanti i modelli raccolti nella collezione, tra cui la mitica colibrì.

5. Righini Auto – Anzola dell’Emilia

Ci spostiamo verso la provincia di Bologna per la Collezione Righini è una collezione privata di auto d’epoca di molti marchi, con una particolare attenzione a quello più amato dalla famiglia, cioè l’Alfa Romeo. Oltre a trovare tantissimi modelli interessanti, la cosa particolare di questo museo è la sua collocazione.

Si trova infatti in una zona di cascine e casolari ristrutturati, un luogo ameno che vale assolutamente una passeggiata, scegliendo magari di lasciare per una volta, dopo la visita alla collezione, l’auto o la moto, per ricordarci ogni tanto quanto sia bello muoverci anche con “la macchina” che c’è stata data alla nascita.

La prossima tappa ci vedrà sfrecciare nel territorio bolognese: tenetelo presente se cercate un hotel per la notte.

Vedi anche la prima tappa, da Reggio Emilia verso Modena

Manuela Lozza

Ex cabarettista, è l’autrice della serie di polizieschi La Milanesa, con protagonista il commissario Michela Borellini. Racconta la sua scapestrata famiglia nel blog dedicato ai Barambani. Lavora sul web e in radio. Intanto legge, canta, scrive, cucina, stira… e grazie allo yoga non va fuori di testa.

Articoli correlati

Back to top button

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.

Adblock

Ciao, la pubblicità ci permette di continuare a scrivere e di trasmettere la nostra passione per i motori. Escludi drivenride.it dall'Ad Blocker, ci sdebiteremo cercando di fornirti sempre articoli freschi ed interessanti ; )