Auto-Storia: i modelli più significativi

Porsche 911 von Karajan: pronta per la pista, mica per il concerto

Via l'autoradio: nessuna sinfonia di Beethoven doveva scavallare la "musica" del motore boxer della Porsche del più famoso direttore d'orchestra

Sulla sua Porsche 911, il più grande direttore d’orchestra al mondo (ma no, diciamo: “uno” dei più grandi direttori d’orchestra al mondo) non voleva l’autoradio. Il capriccio di una superstar? Un paradosso? No, se “lui” è Herbert von Karajan, direttore dei Berliner Philharmoniker, direttore artistico dell’Opera di Vienna, ospite fisso alla Scala di Milano, ospite dell’Orchestra RAI, direttore dell’Orchestre de Paris e inventore del Festival di Pasqua di Salisburgo, fan delle registrazioni su CD quando nel 1980 nessuno sapeva cosa fossero.

Leggenda narra che i 60 minuti dei primissimi CD fossero stati aumentati a 74 solo per metterci la Nona sinfonia di Beethoven diretta da lui, mentre Stanley Kubrick volle usare il Bel Danubio Blu di Strauss diretto dal Maestro per la famosissima sequenza di 2001. Odissea nello spazio.

La Porsche fa un pezzo unico, tutto e solo per lui

Porsche 911 Von Karajan

Nel 1975 gli venne costruito un modello speciale, un pezzo unico, inconfondibile, tutto e solo per lui: la Porsche 911 (930) Turbo 3.0 con il nome del Maestro impressa sul posteriore e la livrea Martini Racing. Par di vederla, parcheggiata davanti all’hotel Friesacher di Anif in Austria, dove una volta il Direttore la lasciava dopo le prove per ingollare un piatto di guanciale in gelatina seduto al tavolo riservato per lui dall’hotel.

Porsche 911 Von Karajan

Nel 1974 la Porsche aveva appena lanciato la RS Turbo 3.0 e il Maestro, che già aveva guidato una 356 Speedster, una 550 A Spyder, due 959 e alcune 911, ci mise un attimo a chiedere, anzi “comandare”, un modello tutto per lui al reparto Porsche dedicato alla personalizzazione: la sua doveva essere più leggera e sportiva di quelle degli altri comuni mortali, doveva pesare meno di 1.000 Kg e avere un rapporto peso/potenza inferiore a 4 kg/cv.

Pilotava gli aerei e sapeva cosa fosse il suono di un motore

Porsche 911 Von Karajan

Il modello di derivazione aveva 260 cv e pesava 1.140 Kg e non sappiamo se l’allora ceo Ernst Fuhrmann avesse alzato gli occhi al cielo, ma sappiamo cosa ne venne fuori: la 911 di Karajan aveva il telaio Motorsport della RSR e la carrozzeria della Carrera RS. Assetto da gara, via i sedili dietro (sostituiti da un roll-bar a gabbia) e via l’autoradio: guidava anche gli aeroplani e sapeva cosa fosse il suono di un motore.

Via tutto quello che non serve, soprattutto l’autoradio

Porsche 911 Von Karajan
Ph. Porsche AG/newsroom.porsche.com – frame da video

Nessuna sinfonia di Beethoven, sulla sua auto, avrebbe dovuto scavallare il suono, la musica del motore boxer a sei cilindri con turbocompressore maggiorato, quel valore aggiunto che garantiva la cavalleria di potenza in più richiesta dal Maestro (100 cv per l’esattezza). Altro che Cavalleria rusticana!

Per la livrea Martini citofonare Mr Rossi

"La

E non finiva qui: come un emulo di Colin Chapman (“per andare più veloce basta aggiungere leggerezza”), von Karajan volle che per sbloccare gli sportelli i tradizionali apriporta venissero rimpiazzati da sottili cinghie in pelle da tirare. Mentre per la livrea Martini Racing (colori della Carrera RSR Turbo 2.1 che nella 24 Ore di Le Mans del 1974 aveva conquistato il secondo posto), Porsche dovette chiedere a Mr Rossi, il produttore del vermouth.

"LaC’è una foto famosa dell’auto che campeggia sulla copertina Ouvertures famose della Deutsche Grammophone (e chi scrive ce l’ha, ça va sans dire), la “sua” casa discografica: sulla copertina del disco si vedono i capelli argentei del Maestro al volante della sua Porsche, guarda fuori dal finestrino, sotto si scorgono i colori Martini Racing e non sai se ti stia dicendo “Cazzo hai da guardare?” o “Vorresti farci un giro eh?”. Questa foto venne scattata quasi subito, sulla strada di campagna che oggi si chiama “Herbert von Karajan Strasse” e che poco più in là ti porta a casa sua.

Ora la Porsche von Karajan dorme in un posto segreto nel Paese di Heidi

"La

I 360 cv della RS non furono troppo frustati: quando nel 1980 il Maestro la diede via, il tachimetro indicava una percorrenza di 3.000 Km. Ora vale circa 3 mln di euro e pare che il suo attuale proprietario, che la custodisce  da qualche parte in Svizzera, non l’abbia nemmeno mai guidata.

PER TUTTE LE FOTO COURTESY porsche.com

Emanuele Beluffi

Giornalista pubblicista, già responsabile di redazione presso Il Giornale OFF, spin off culturale del quotidiano il Giornale, editor di CulturaIdentità, conservatore presso Fondazione Sangregorio Giancarlo.

Articoli correlati

Back to top button

Add to Collection

No Collections

Here you'll find all collections you've created before.

Adblock

Ciao, la pubblicità ci permette di continuare a scrivere e di trasmettere la nostra passione per i motori. Escludi drivenride.it dall'Ad Blocker, ci sdebiteremo cercando di fornirti sempre articoli freschi ed interessanti ; )